giovedì 13 aprile 2017

Incontro Canada/Sicilia: Nanaimo con crema allo zafferano


Qualche giorno fa, alcuni amici  mi hanno chiesto di preparare un dolce simile ad una barretta a più colori ispirato dai sapori tipici mediorientali.
Avevo appena visto una puntata di Masterchef Australia dove un concorrente aveva preparato le Nanaimo Bars Canadesi.
Mi sono incuriosita, ho appuntato gli ingredienti e mi sono messa subito all'opera.
http://nanaimomuseum.ca/events/only-in-nanaimo/
Ecco cosa mi è servito. 
Ingredienti per la base:
115 gr burro, 55 gr di zucchero di canna, 75 gr cacao amaro, 1 uovo, l'interno di una bacca di vaniglia, 150 gr di biscotti secchi tritati, 100 gr cocco grattugiato, 60 gr di noci
Prepariamo quindi la base. Iniziamo col fondere il burro, tritare i biscotti (meglio se a grana medio-piccola), tritare grossolanamente le noci. Aggiungiamo al burro fuso il cacao setacciato e lo zucchero, facendoli amalgamare bene, a parte sbattiamo l'uovo per poi aggiungerlo all'impasto di burro al cacao.

Una volta amalgamato bene l'uovo, è il momento di aggiungere il cocco, biscotti e le noci tritate, ora si mescola bene fino ad ottenere un impasto simile a quello per un salame di cioccolato.

E'il momento di disporre il composto ottenuto in uno stampo quadrato di misura di 20 cm x 20 cm rivestito di cartaforno, appiattire e pareggiare l'altezza, mettere in frigo a riposare per una ventina di minuti.

Ora prepariamo il ripieno per la seconda fase, la preparazione dello strato di farcitura.
Occorre: 75 gr burro ammorbidito, 60 gr polvere di preparato per budino alla vaniglia che, secondo la ricetta originale può essere sostituita con preparato per crema pasticcera, ma sono Australiani e li perdono :-). Servono ancora 375 gr zucchero a velo, 65 gr latte,.
E si può dare inizio alla lavorazione.
Lavorare il burro a pomata con una frusta, dovete tenerlo a temperatura ambiente fino a renderlo morbido per poi renderlo cremoso;  aggiungere il preparato per budino alla vaniglia ed il latte, aggiungere un po' per volta lo zucchero a velo. Il composto così ottenuto sarà ben omogeneo, morbido e lavorabile.
Andiamo a riprendere lo strato base dal frigorifero e disponiamogli sopra questo impasto spalmandolo bene per regolarizzare le altezze e poi riporre nuovamente in frigo a solidificare.

Pensate di aver finito? Macchè!
Ecco la terza fase, bisogna preparare la copertura. Ci serviranno: 250 gr cioccolata fondente e 30 gr burro
In un pentolino a bagnomaria, far sciogliere il cioccolato. Appena intiepidito aggiungere il burro, mescolando continuamente fino a che il burro non sarà fuso e il cioccolato bello lucido.
Ritornare al frigorifero per prendere il dolce, versare questo cioccolato di copertura sul dolce e riporre nuovamente in frigo fino a che non inizia ad indurirsi.

Questo è il momento tanto atteso. Finalmente! Ora il dolce si può tagliare a barrette, a quadrotti, fate un pò voi, ripulendo il coltello tra un taglio e l'altro in modo da ottenere degli strati puliti.



lunedì 27 marzo 2017

Sushi Sun. Il Signor Sushi è alla Magliana.

E' passato un po' dal mio ultimo post.
Molti impegni come Chef a domicilio, un bel periodo a cucinare in Spagna, varie ed eventuali da intoppi e problemi quotidiani a cui nessuno di noi è esente.
Ad interrompere questo periodo di silenzio blog, contribuisce senz'altro la serata Sushi al nuovo ristorante Sushi Sun di Roma.

@SushiSun in via della Magliana Nuova 82 a Roma
Chi mi conosce sa quanto io sia attratta dalla cucina orientale in genere e quanto apprezzi il lavoro e la bravura di uno Chef Shokunin attento all'altissima qualità nella materia prima.
Il Sushi, inteso come pezzetti di pesce crudo, da solo o accompagnato da riso o alghe senza l'aggiunta di altri ingredienti che ne esaltino o ne modifichino il gusto, è una vera e propria sfida. E lo Chef Shokunin del Sushi Sun l'ha decisamente superata!

Temaki con Ikura (uova di Salmone)
Sushi, Uramaki, Hosomaki
Non avevo ancora mai assaggiato il Gunkan Nigiri, e sono stata letteralmente conquistata dall'esplosione di gusto delle uova di Salmone ad ogni assaggio.


Il Temaki, una variante del Sushi tradizionale, preparato usando coni di Alga Nori farciti con gli stessi ingredienti dei Rolls da mangiare con le mani.

Il ristorante accoglie con il Kaiten Sushi, il nastro trasportatore con una selezione di piatti che comprende spesso anche frutta, dolci e zuppe dove si può seguirne la preparazione grazie alla cucina a vista che si affaccia anche sulla grande sala Sushi Wok.
 Geisha

Saletta
E' possibile anche accomodarsi in una delle salette, dove ogni tavolo è munito di un tablet direttamente collegato con la cucina, da cui si può ordinare nuove pietanze in ogni momento del pasto.
 Io e il mio gruppetto abbiamo optato per la sala Tatami.  Molto più comode le sedute di quanto è sembrato alla prima impressione, grazie alla possibilità di inserire le gambe al di sotto del tavolo. Si, è vero che si è occidentalizzato così il tradizionale modo di sedere alla giapponese, ma chi, come me, avrebbe avuto serie difficoltà a starsene seduta sui talloni, ha potuto godere cena e serata in relax.
Sashimi misto

Devo ammettere che l'uso del tablet per ordinare ha fatto uscire il bimbo dispettoso che è in tutti noi!

Dopo un'iniziale imbarazzo nella scelta, ci siamo davvero sbizzarriti: Futomaki, Hosomaki, Nigiri, Uramaki e una scenografica coppa di freschissimo Sashimi.


Se poi siete preoccupati delle calorie, eccovi una veloce tabella:
Nigiri da 39 a 70 kcal al pezzo - Hosomaki da 20 a 25 kcal al pezzo - Futomaki da 52 a 60 kcal al pezzo - Uramaki da 35 a 37 kcal al pezzo - California Roll 35 kcal al pezzo - Temaki da 109 a 143 kcal a cono.
Buzzoole
Sushi Sun prezzi